domenica 6 gennaio 2013

La musica secondo Kubrick di Sergio Bassetti (Lindau)



Refrattaria a tentazioni futilmente decorative, la musica nel cinema di Kubrick – e con essa l’intera frazione sonora – assolve funzioni complesse, divisa com’è tra pura azione sensuale e letture di carattere simbolico, sperimentazione espressiva e messaggio a valenza referenziale latente. Al di là della evocazione di suggestioni immediate e potenti, il discorso musicale composito che Kubrick combina attingendo a fonti eterogenee si pone dunque come prodigo sottotesto cui è utile, e anzi imprescindibile, fare appello laddove si intenda penetrare la crosta più schiettamente estetica del cinema di questo regista, per inoltrarsi con strumenti adeguati nella sua articolata trama ideologica e «morale». Dalle acerbe soluzioni dei primi documentari alla ridefinizione metodologica perfezionata in 2001: Odissea nello spazio, sino all’incompiuto mosaico sonoro di Eyes Wide Shut, quello delineato nella filmografia del grande regista americano è un lungo, originale itinerario musicale scandito da anticonformismo «di ricerca» e scandali estetici, anatemi e definitive consacrazioni, per l’autore che più di ogni altro ha mostrato le ineguagliabili risonanze drammaturgiche e il valore aggiunto di senso che un testo musicale – anche e soprattutto se preesistente – ha la capacità di trasferire nell’apparato narrato-visivo di un film. 

Sergio Bassetti, massmediologo e critico, è consulente scientifico per vari festival e convegni di settore; è autore di testi e programmista-regista radiofonico per Radiotre («La fabbrica della musica», «Pentagramma per fotogramma», «’900 musicale e cinema: musicisti colti e cinematografo»). È autore di numerose pubblicazioni, tra cui Inquadratura e sonoro, Letteratura musicale tra passione e ideologia nel cinema di Pasolini. Ha collaborato alla «Rivista Italiana di Musicologia», «Segnocinema», «Cineforum», «Filmcritica» e «Ciak».

Nessun commento:

Posta un commento