domenica 16 settembre 2012

David Lynch e il grande fratello di Alessandro Agostinelli (Besa editrice)



Cosa c'entra David Lynch con il Grande Fratello? È possibile che alcuni dispositivi narrativi leghino insieme un grande regista e alcuni real tv di successo? Con questo libro, lo storico del cinema e massmediologo Alessandro Agostinelli entra nel profondo dell'opera di David Lynch, attraverso l’analisi di alcuni suoi film più controversi: Strade Perdute, Una storia vera, Mulholland Drive. Il lavoro del regista americano viene analizzato alla luce delle turbative dello spettatore di fronte a certe narrazioni incongrue e all'uso destabilizzante delle immagini. Insieme alla originale presentazione del cinema di Lynch l’autore affronta anche uno degli argomenti più scottanti del mondo delle immagini: che cosa è vero e che cosa è falso quando guardiamo attraverso i mezzi di comunicazione di massa. Vivere, morire, amare, guardare, socializzare. Ogni nostra azione è spesso il risultato di modelli sociali preimposti dai media.

Alessandro Agostinelli, scrittore e giornalista, è dottore di ricerca in Storia delle arti visive e dello spettacolo. Ha svolto consulenza e attività didattica in comunicazione e partecipazione. Fondatore del sito alleo.it, dirige il Festival del Viaggio di Firenze e il progetto inventarioitaliano.it. Collabora con l’“Espresso” e RadioTre Rai.
Tra i suoi libri: il romanzo La vita secca (2002), i saggi La Società del Giovanimento (2004), Una filosofia del cinema americano (2004), Un mondo perfetto – I comandamenti dei fratelli Coen (2010)

Nessun commento:

Posta un commento