lunedì 1 agosto 2011

Manlio Santanelli al Positano Teatro Festival









Di scena al Positano Teatro Festival con due spettacoli diversi le opere di Manlio Santanelli questa sera a Montepertuso con "A casa dopo cena" e domani al Teatro dei Giardini con "Canta o ti sparo". Gli spettacoli del teatro di Gerardo d' Andrea che hanno portato il teatro moderno in Costiera amalfitana, voluti dall'amministrazione del sindaco Michele De Lucia, che continuano tutte le sere fino al 13 agosto, con ingresso gratuito e palcoscenici itineranti, dal teatro dei giardini ai Mulini fino al borgo di Nocelle, stanno riscuotendo notevole successo di critica e di pubblico.

Manlio Santanelli - nato a Napoli. Laureato in Filosofia del Diritto, nel 1962 entra alla Rai TV, attratto dal mondo dello spettacolo. Lì resta fino al 1980, anno in cui dà alle scene il suo primo testo teatrale, “Uscita di Emergenza”, con cui si guadagna il favore della critica e del pubblico, nonché il Premio IDI (Istituto Dramma Italiano) e il Premio dell’Associazione Nazionale Critici Italiani. Seguono numerosi altri testi. Ricordiamo per primo “Regina Madre” - commedia salutata da Ionesco come una delle più interessanti dell’ultimo decennio -, rappresentata dappertutto in Italia come nel resto dell’Europa (Germania, Svizzera, Olanda, Francia, Austria, Polonia, Romania, Russia, Georgia, Lettonia, Lituania... ovviamente nelle rispettive lingue). Attualmente si può registrare un vivo interesse da parte della Nuova Zelanda per questo testo. Esito non dissimile hanno ottenuto “L&rsqu! o;aberrazione delle stelle fisse”, “Bellavita Carolina”, “Disturbi di memoria”, “Un eccesso di zelo”... La commedia “Pulcinella”, con Massimo Ranieri e per la regia di Maurizio Scaparro, dal 1987 (data del suo debutto) non ha smesso di girare in Italia e all’estero. “Il baciamano”, prodotto dalla “Compagnie Passeurs de Mémoires” ha debuttato nel cartellone del “Festival di Avignone 2004” (Théatre du Bourg-Neuf) ed ancora gira in Francia. Il Teatro Municipale di Kiel, Germania, ha incluso nel suo repertorio la commedia “Facchini”. L’Università di Tolosa, Francia, ha editato un volume dedicato al teatro napoletano, con particolare attenzione all’autore suddetto, di cui contiene anche le traduzioni di “Tu musica assassina” e “Facchini”. “Le théatre du Plateau” di Fontenay sous Bois, compagnia parigina ha debuttato al Festival di Avignone 2004 con“Disturbi di memoria”, che ancora gira in Francia. “Le tre verità di Cesira” è stato rappresentato, in lingua originale, nelle maggiori città della Provenza (Francia). “Il Chiodo fisso” e “La Solita Cena” sono le ultime produzioni che hanno debuttato a Napoli riscontrando grande interesse di pubblico. Secondo la critica più autorevole, la scrittura di Manlio Santanelli ha una sua cifra molto personale: l’autore, infatti, parte quasi sempre da una realtà quotidiana e rassicurante, ma ben presto se ne allontana per esplorare i disturbi, le minacce e le “eresie” in essa contenuti. Ne sortisce un carattere grottesco che, attraverso l’ironia e il paradosso portati all’estremo, gli permettono di affrontare i temi più scabrosi! e disperati, senza per questo sottrarre allo spettatore quel divertimento che un certo teatro “punitivo” gli nega per definizione.

PROGRAMMA

1 Agosto (Lunedì) Piazzetta di Montepertuso - “A casa dopo cena” di Manlio Santanelli con Maria Basile e Gennaro Piccirillo, regia di Roberto Capasso

2 Agosto (Martedì) Teatro Giardino del Tennis - “Canta o sparo” di Manlio Santanelli con Antonella Morea e Roberto Azzurro, regia di Fabio Cocifoglia

3 Agosto (Mercoledì) Teatro Giardino del Tennis - “Itagliani” di Antonella Cilento con Margherita Di Rauso, regia Eleonora Pippo

5 Agosto (Venerdì) Teatro Giardino del Tennis - “Il Presidente” di Thomas Bernard con Imma Villa e Paolo Coletta, regia Carlo Cerciello

Nessun commento:

Posta un commento