mercoledì 24 agosto 2011

Gaberscik, il Teatro di Giorgio Gaber: testo, rappresentazione, modello di Massimo Puliani, Valeria Buss, Alessandro Forlani (Edizioni Hacca)










Gaberscik, il Teatro di Giorgio Gaber: testo, rappresentazione, modello esce a circa un anno di distanza dalle manifestazioni in memoria di Gaber organizzate a Cagli dal Prof. Massimo Puliani, esperto di teatro e di drammaturgia italiana e grande conoscitore dell’Artista. Il volume, alla cui scrittura hanno contribuito vari studiosi, costituisce un importante e qualificato approfondimento sul teatro di Gaber e Luporini. E' un’indagine sulla drammaturgia di Gaber/Luporini, il “Teatro Canzone” e il “Teatro d’Evocazione” e propone un’analisi critica sulla scrittura scenica di Gaber e una ricognizione sulle interpretazioni avvenute dopo la scomparsa dell’autore/attore/cantante.

Nella prima parte si prendono in esame le drammaturgie e gli allestimenti storici de Il caso di Alessandro e Maria (1982); Parlami d’amore Mariù (1986); Il grigio (1988); Il dio bambino (1993) e dell’inedito Io quella volta lì avevo venticinque anni (2000). Si indaga inoltre il rapporto di Giorgio Gaber con l’opera di Samuel Beckett, che portò alla messa in scena nel 1990 di Aspettando Godot diretto e interpretato, oltre che dallo stesso Gaber, da Enzo Jannacci, Paolo Rossi e Felice Andreasi. Nella seconda parte del volume, che raccoglie contributi e testimonianze di registi, attori, critici teatrali, si affronta il problema di rappresentare oggi “Gaber senza Gaber”: riflessioni sulle prove d’attore di Neri Marcoré, Eugenio Allegri, Giulio Casale, Claudio Bisio, Fausto Russo Alesi, Luca Barbareschi e le regie di Giorgio Gallione e Serena Sinigaglia. Il dvd propone un omaggio di Massimo Puliani a Gaber e a Beckett, una ricostruzione digitale per immagini (di Enrica Scalfari), musica (Stefano Vagnini) e battute (tratte dal primo atto del testo originale) dell'allestimento di Aspettando Godot di Samuel Beckett, andato in scena nel 1990 a Venezia. Inoltre il dvd propone una performance di Paolo Rossi nell'ambito di una partecipazione al Festival Gaber di Viareggio nel 2007, dove interpretò La strana famiglia.

Da Fondazione Giorgio Gaber

Nessun commento:

Posta un commento